Carlo Goldoni
Sior Todero brontolon

ATTO TERZO

Scena Sesta. Cecilia, Gregorio, un Facchino e detti

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Sesta. Cecilia, Gregorio, un Facchino e detti

 

CEC. Oh! son qua: ghe giera giusto el facchin che ha portà le legne, e se serviremo de elo.

MARC. Vegnì qua mo, Gregorio; vegnì qua, quel zovene. Siè testimoni de sto matrimonio tra ste do creature. Via, deve la man.

NICOL. Oe, Gregorio, no ghe disè gnente a sior pare.

GREG. No saveu? Mi no parlo.

FORT. Via, destrigheve.

NICOL. Me trema le gambe.

CEC. Anemo, qua. (prende la mano a Nicoletto) Questo xe mio mario.

FORT. Via, disè anca vu. (a Nicoletto)

NICOL. Coss'oggio da dir? (a Fortunata)

FORT. Questa xe mia muggier. (a Nicoletto)

NICOL. Questa xe mia muggier.

FORT. La xe fatta.

CEC. Ve ringrazio, savè, sior Pasqual. (al Facchino)

PASQ. Patrona, magneremo sti confetti.

GREG. Sì, sì, andemo, vegnì con mi, che marenderemo. (parte con Pasquale)

FORT. Novizzi, me ne consolo.

CEC. Grazie.

NICOL. Songio novizzo adesso?

FORT. Sior sì.

MARC. Vien zente. Andè de ; per adesso no ve lassè véder.

CEC. Andemo. (a Nicoletto)

NICOL. Dove?

CEC. De , con mi.

NICOL. A cossa far?

CEC. Via, mamalucco, andemo. (lo prende per mano, e parte)

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License