Carlo Goldoni
Sior Todero brontolon

ATTO TERZO

Scena Settima. Marcolina, Fortunata, poi Meneghetto

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Settima. Marcolina, Fortunata, poi Meneghetto

 

FORT. Mo no la podeva andar meggio!

MARC. Tegniralo sto matrimonio?

FORT. Oe; i novizzi xe in camera; che i lo desfa, se i pol.

MARC. Per la condizion no ghe xe gnente da dir.

FORT. Siora Zanetta, co l'al saverà, la salterà tant'alta.

MARC. Mio mario ha da restar.

FORT. E el vecchio?

MARC. E sior Desiderio?

FORT. Oh! che rider!

MENEG. Eh! sior Desiderio no riderà.

FORT. Oe, sior Meneghetto. (accennando ch'egli viene)

MARC. Oh! bravo.

MENEG. Le perdoni. Ho trovà la porta averta. Me son tolto la libertà de entrar. (mortificato)

FORT. Cossa gh'è, sior Meneghetto?

MARC. Sior Meneghetto, cossa xe stà?

MENEG. Ho parlà, ho fatto quel che ho podesto, e no ghremedio. (con afflizione)

MARC. No? (ridendo)

FORT. No dasseno? (ridendo)

MENEG. Le ride? (con ammirazione)

FORT. Anca sì, che ghe xe remedio.

MENEG. Mo come?

FORT. Oe, alle curte...

MARC. Levemolo de pena (a Fortunata)

FORT. Nicoletto l'ha fatta... (tutte due parlano sì presto che Meneghetto, ch'è in mezzo di loro, rimane quasi stordito)

MARC. El s'ha maridà...

FORT. L'ha sposà Cecilia...

MARC. E so pare no sa gnente...

FORT. No gh'avemo più paura de lu...

MARC. La mia putta xe in libertà...

FORT. E la sarà vostra de vu...

MARC. Co el se contenta de aspettar la dota...

FORT. Siora sì, l'ha promesso, e l'aspetterà.

MARC. Ma destrighemose...

FORT. Cossa diseu? (a Meneghetto)

MENEG. Oimei! per carità. La me lassa chiappar un pochetto de fià. Tutte ste cosse xe nate in cussì poco tempo?

MARC. Sior sì, la xe cussì. Gh'alo paura che lo voggiemo burlar?

MENEG. (Son fora de mi. No so in che mondo che sia).

MARC. El par incantà. (a Fortunata)

FORT. L'amor, fia mia, l'amor, la consolazion.

MARC. Anca mi me sento sbalzar el cuor.

FORT. E mi? In sta cossa no gh'intro più che tanto; ma gh'ho una sodisfazion, come se fusse per mi.

MARC. Oe, vardè: Desiderio. (a Fortunata, accennando ch'ei viene)

FORT. Retireve, retireve, zerman. (a Meneghetto)

MENEG. Me par un insonio. Ho paura de desmissiarme. (si ritira)

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License