Carlo Goldoni
Sior Todero brontolon

ATTO TERZO

Scena Nona. Todero e detti

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Nona. Todero e detti

 

TOD. Cossa feu qua? Perché no tendeu al mezzà? (a Desiderio)

DESID. Caro sior, son vegnù a far le mie parte co siora Marcolina.

FORT. Sior Todero, patron.

TOD. Patrona. (a Fortunata, rusticamente)

MARC. Patron, sior missier. (dolcemente)

TOD. Patrona. (con ammirazione) Andè a far quel che avè da far. (a Desiderio)

DESID. La lassa almanco che fazza el mio dover co siora Marcolina; la lassa che la ringrazia.

TOD. De cossa?

DESID. De la bontà che la gh'ha, de accordar anca ela che la so putta sia muggier de mio fio.

TOD. E vu, siora, cossa diseu? (a Marcolina)

MARC. Mi no digo gnente.

TOD. Ah? (a Marcolina)

MARC. Mi no digo gnente.

DESID. No séntelo? La ghe la volentiera. (a Todero)

TOD. (Manco mal. No credeva che la se la passasse co sta pachea).

FORT. (Mi stimo assae che la tegna duro. Me vien da dar un sbroccon da rider, che debotto non posso più).

DESID. Se la se contenta, xe meggio che chiama mio fio, e che se concluda. I m'ha ditto che el giera qua. Sala gnente ela dove che el sia? (a Marcolina)

MARC. Mi no so gnente.

FORT. Eh! so mi dove che el xe: el xe de co la so novizza. (ridendo)

DESID. Co la so novizza? (ridendo)

FORT. Sior sì, co la so novizza.

DESID. Védela, sior Todero? (con allegria)

TOD. Sior corno. (con ironia)

DESID. Védela, sior paron? El xe co la so novizza. (ridendo)

TOD. Che i vegna qua.

DESID. Subito, li vago a chiamar. (parte)

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License