Carlo Goldoni
L'amante militare

ATTO TERZO

SCENA DICIOTTESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA DICIOTTESIMA

 

Corallina, Arlecchino e detti.

 

COR. E viva, e viva, eccolo vivo e sano.

ARL. Signori, ghe rendo grazie de averme fatto nasser al mondo, dopo che i m’ha mazzà.

ALON. Servi il tuo padrone con fedeltà. Tu non sei buono per le militari fatiche.

ARL. L’è vero, sior, no so bon alter che da magnar. (il tamburo suona) Aiuto, misericordia. (fugge via)

ALON. Oimè, le truppe marciano.

ROS. Fermatevi, non andate.

ALON. Devo assicurarmi della verità. Permettetemi. (parte)

ROS. Oh cielo! (in atto di partire)

PANT. Dove vastu?

ROS. Sul poggiuolo, a vedere che cosa segue. (parte)

PANT. Vegno anca mi, no la lasso sola. (parte)

BEAT. Corallina, l’alfiere torna in Ispagna, e la tua padrona resterà con tanto di naso.

COR. E don Garzia?

BEAT. Don Garzia... chi sa? Chi sprezza, vuol comprare. (parte)

COR. Povera gonza! Se tu volevi che don Garzia ti comprasse, dovevi tenere la mercanzia in migliore credito. (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License