Carlo Goldoni
Sior Todero brontolon

ATTO TERZO

Scena Undicesima. Desiderio tirando per un orecchia Nicoletto, e detti

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Undicesima. Desiderio tirando per un orecchia Nicoletto, e detti

 

NICOL. Ahi, ahi! ahi! (dolendosi dell'orecchia)

FORT. Oh bello! (ridendo)

NICOL. Ahi! ahi! (come sopra)

TOD. Cossa feu? Seu matto? Seu inspirità? (a Desiderio, con isdegno)

DESlD. Tocco de furbazzo! Tocco de desgrazià! (a Nicoletto)

TOD. Cossa v'alo fatto? (a Desiderio, come sopra)

DESID. Cossa che el m'ha fatto? El m'ha tradìo, el m'ha sassinà, el s'ha maridà.

TOD. Sior bestia, sior strambazzo, no seu stà vu che l'ha maridà?

DESID. Sior diavolo, sior satanasso, l'ha sposà la massera. (a Todero, forte)

TOD. L'ha sposà la massera? (a Fortunata, con maraviglia)

FORT. Oh, mi non me n'impazzo.

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License