Carlo Goldoni
Sior Todero brontolon

ATTO TERZO

Scena Tredicesima. Meneghetto e detti

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Tredicesima. Meneghetto e detti

 

MENEG. Le scusi, le perdoni, coss'è sto strepito? Per amor del cielo, no le fazza sussurar la contrada.

TOD. Coss'è, sior? Cossa feu qua? Cossa gh'intreu? (a Meneghetto)

MENEG. Son passà a caso. S'ha sentìo strepito, s'ha sentìo criar. La zente ha fatto bozzolo davanti la so porta. El capo de contrada voleva vegnir. Tutti voleva intrar. Ho credesto ben d'impedir, e son vegnù mi a offerirghe umilmente e de buon cuor el mio agiuto e la mia mediazion.

TOD. Andè via de qua. Pare e fio, fora subito de casa mia. (a Desiderio)

DESID. Ghe torno a dir, sangue de mi, che no voggio andar.

MENEG. Zitto, sior Desiderio. No fe strepito, no ve fe nasar. Ve conseggio andar via co le bone: se no mi, vedeu? Mi, per la stima e per el respetto che gh'ho per sior Todero, mi trovarò la maniera de farve andar.

DESID. Dove oi d'andar? Cossa oi da far co sto aseno maridà?

MENEG. A Nicoletto ghe penserò mi, ghe provederò mi.

FORT. E Cecilia, se sior Todero no la vol in casa, la vegnirà a star con mi.

CEC. Oh sìeli benedetti! Andemo, andemo, el mio caro mario. (lo prende per mano)

NICOL. Andemo, andemo. Oh che gusto! oh che bella cossa! Son maridà. (parte con Cecilia)

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License