Carlo Goldoni
Sior Todero brontolon

ATTO TERZO

Scena Quindicesima. Todero, Marcolina, Fortunata, Meneghetto, poi Zanetta

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Quindicesima. Todero, Marcolina, Fortunata, Meneghetto, poi Zanetta

 

TOD. Credeu che el m'abbia robà?

FORT. Anemo, anemo: ve liberà, no ghe pensè più. La vegna, la vegna, siora Zanetta. (alla porta)

ZANET. Cossa comàndela?

FORT. (Ala savesto?) (a Zanetta)

ZANET. (Ho sentìo tutto). (a Fortunata, con allegria)

MENEG. Finalmente, siora Zanetta, spero che el cielo seconderà le mie brame e me concederà l'onor de conseguirla per mia consorte.

ZANET. Sior sì... la fortuna... per consolarme... El compatissa, che no so cossa dir.

MARC. Via, deve la man.

TOD. Tasè , siora: tocca a mi a dirghelo. (a Marcolina)

ZANET. (Oh poveretta mi!)

TOD. Sposeve. (a Zanetta e Meneghetto)

MENEG. Questa xe mia muggier.

ZANET. Questo xe mio mario. (forte con spirito, e presto)

FORT. Brava, brava. La l'ha ditto pulito.

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License