Carlo Goldoni
Lo scozzese

ATTO SECONDO

SCENA NONA   Miledi Alton poi Monsieur la Cloche

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA NONA

 

Miledi Alton poi Monsieur la Cloche

 

MIL. Qual donna, qual demone si nasconde in costei? Quanto più si fa credere di condizione, tanto più mi ragion di temerla, e mi anima tanto più alla vendetta.

CLO. Vi veggio sola, ed ho creduto poter avanzarmi.

MIL. Ah! monsieur la Cloche, costei sempre più mi mette in agitazione. La sua alterezza mi fa credere che vi sia del mistero. Possibile che voi, che sapete tutto, non arriviate a penetrare la condizione di quest'incognita!

CLO. Qualche cosa ho testé rilevato dai servidori di questo albergo. qualche cosa ho altresì immaginato, e credo di aver dato nel segno.

MIL. Comunicatemi quel che sapete, e quello che voi pensate.

CLO. Ho saputo di certo ch'ella è scozzese. ch'è figlia nobile, non maritata. che si spaccia di sangue nobile. e ch'è venuta da Londra in compagnia di una sola fantesca. Io giudico dunque con fondamento, che questa sia una fanciulla fuggita dalla casa paterna, o trasportata da qualche passione, o sedotta da qualche amante. Pensando poi che milord Murrai è originario anch'egli di Scozia, ed ha colà le sue terre, ed è solito trasferirsi spessissimo in quelle parti, giudico ch'egli si sia colà invaghito di questa giovane, e non potendo sposarla per cagion dell'impegno ch'egli ha con voi, l'abbia sedotta a fuggire. la trattenga qui con delle speranze. la mantenga coi suoi denari su quest'albergo, niente per altro che per isfogare la sua passione. Il mio discorso non può esser più ragionevole, e ci scommetterei mille doppie, che la cosa è com'io penso.

MIL. Potrebbe darsi che tutto ciò fosse vero: ne sono quasi anch'io persuasa. In cotal modo Milord sarebbe reo di due colpe: di aver mancato di fede a me, e di aver tradito una figlia, e svergognata la di lei famiglia.

CLO. L'amore, la brutalità, la passione fan far di peggio.

MIL. Qual riparo credete voi ci potesse essere per vendicare i miei torti, e quelli insieme di una casa disonorata?

CLO. Facilissimo è il modo, secondo me, per ottenere l'intento. Vegliano i tribunali alla pubblica onestà ed all'onore delle famiglie. Abbiamo bastanti indizi per rendere alla sospetta questa giovane fuggitiva. La Corte farà arrestare l'incognita. Sarà obbligata a manifestarsi. si verrà in chiaro della verità. Se sarà nobile, sarà rimandata ai parenti. se sarà plebea, avrà quel trattamento che merita: e in ogni guisa sarà svergognato Milord. sarà punito l'albergatore Fabrizio, e voi sarete contenta.

MIL. Piacemi il consiglio vostro. Ho dei congiunti, ho degli amici alla Corte e nel Parlamento. L'affare non sarà trascurato. (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License