Carlo Goldoni
Lo scozzese

ATTO SECONDO

SCENA UNDICESIMA   Marianna ed il suddetto

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA UNDICESIMA

 

Marianna ed il suddetto.

 

MARIAN. Chi picchia in sì fatto modo? (uscendo dalla camera)

CLO. Un galantuomo che brama di riverire la padrona vostra.

MARIAN. Scusate, signore, è occupata.

CLO. Non è vero. Io so che ora non vi è nessuno.

MARIAN. Non è occupata con altri. ma è occupata da se medesima.

CLO. È necessario ch'io le favelli.

MARIAN. Non credo che vi abbia da essere questa necessità.

CLO. La vostra padrona è in pericolo. e da me può dipendere la sua salute.

MARIAN. (Oh cieli! qualche nuova disgrazia).

CLO. Avvisatela. e se non vuole ch'io entri, mi contenterò di favellarle qui in sala.

MARIAN. Dal canto mio non mancherò di servirvi. (Mi batte il cuore. Ho sempre timore che sia scoperta). (entra)

CLO. Farò io vedere a Fabrizio, come si fa a prendersi una soddisfazione. Le parlerò a suo dispetto. e mi l'animo di farla uscire da questo albergo.

MARIAN. Signore, vi chiede scusa se qua non viene, e vi supplica di dire a me quello che avreste da dire a lei.

CLO. Che modo è questo di trattare con un mio pari? Se mi disgusterà, sarà peggio per lei. Ditele che la conosco. che so chi è. e tanto basta.

MARIAN. La conoscete? (con ammirazione)

CLO. La conosco. Io ho delle corrispondenze per tutto. e posso fare la sua rovina.

MARIAN. Ah! per amor del cielo, signore. Aspettate. tornerò ad avvertirla. (Non vorrei che la sua austerità la precipitasse). (entra in camera velocemente)

CLO. La serva è in timore, è in agitazione. Tanto più mi conferma nel mio supposto.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License