Carlo Goldoni
La scuola moderna

ATTO PRIMO

SCENA DODICESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA DODICESIMA

 

Rosmira, Ergasto

 

ERG.

Come? vorrà Doralba

Forzarvi di Belfiore

Alle nozze abborrite?

ROS.

A momenti si attende;

Stringere il sacro nodo ella pretende.

ERG.

Ahimè! che ascolto!

ROS.

Io non vi posso, Ergasto,

Esprimere il dolor che mi tormenta.

Belfiore è ricco, e questo

Abbaglia le pupille

D'una tiranna zia.

ERG.

Dunque disposta siete

Ad accettar la destra

D'un vecchio scimunito? di Belfiore?

ROS.

Ah forse pria m'ucciderà il dolore!

 

Allo splendor di quelle

Care pupille e belle,

Resistere non sa

L'anima amante.

Arde sì sì il mio core

Tutto per te d'amore,

E sempre l'alma mia

Sarà costante. (partono)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License