Carlo Goldoni
La scuola moderna

ATTO SECONDO

SCENA QUARTA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUARTA

 

Drusilla, poi Belfiore

 

DRUS.

Gli è ver, so il fatto mio,

Certo l'accordo anch'io;

Ma si san contenere i spirti accorti

Più delle bocche strette e i colli torti.

Questo è lo stil ch'ho in uso:

Non domando, non dono, e non ricuso.

BELF.

Si può venir? (di dentro)

DRUS.

Padron, signor Belfiore;

Venga pur, mi fa onore.

BELF.

Io non vorrei

Cotante cerimonie;

Vuò che andiamo alla buona:

Fra noi non ci è padrone, né padrona.

DRUS.

Fo il mio dover. (fa una riverenza)

BELF.

Eh via con quest'inchini:

Io non stimo le smorfie, ma i quattrini.

DRUS.

E pur al giorno d'oggi

Le riverenze e i titoli

Più del disnar si stimano.

Vi son di quei che mangiano

A desinar pochissimo,

E si sazian col titol d'illustrissimo.

 

Per le strade ognor si sente

Illustrissimo di qua,

Illustrissimo di ,

Ma la fame li tormenta,

Ma si stenta, e non si sa.

 

BELF.

Orsù, risoluzione.

Mi piace il vostro spirito;

Io non parlai per gioco.

Su, datemi la mano.

DRUS.

Adagio un poco.

Così tutto ad un tratto?

Vuò che prima facciam un qualche patto.

BELF.

Dite su, che v'ascolto.

DRUS.

Sapete, io non ho dote.

BELF.

Lo so, ma non importa.

DRUS.

Voi siete un po' vecchietto.

BELF.

Sì, ma senza difetto.

DRUS.

La morte può venire.

BELF.

Tutti dobbiam morire.

DRUS.

Ma se morite voi, che farò io?

BELF.

Vi farò donazion di tutto il mio.

DRUS.

Va ben, ma dopo morte

Non la potrete far; fatela adesso.

BELF.

Gran drittura del sesso!

Dunque tutto interesse è il vostro amore?

DRUS.

Caro signor Belfiore,

La donna ama ed apprezza

O gioventù, o ricchezza;

Se giovine non siete,

Senza che parli più, voi m'intendete.

BELF.

Cara, avete ragione,

Vi farò donazione:

Tutto a voi lascierò l'argento e l'oro.

DRUS.

(Ed io lo goderò col mio Lindoro).

BELF.

Ma chi è quella fanciulla,

Che viene a disturbarci?

DRUS.

È una brava scolara,

Che oltre il ricamo, anche la solfa impara.

BELF.

Voi gl'insegnate il canto?

DRUS.

signor, sì signor.

BELF.

Siete un incanto.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License