Carlo Goldoni
La scuola moderna

ATTO TERZO

SCENA TERZA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA TERZA

Ergasto solo.

 

 

Nel tempestoso mar dell'amor mio

Già vedo in lontananza

Rasserenarsi il cielo, onde non temo

Più di restar tra le procelle assorto,

Ma de' contenti miei già miro il porto.

 

Amore premiate,

Pupille vezzose;

Pietose mirate

Chi v'ama fedele,

sorte crudele

Nemico vi renda

Chi colpa non ha.

Ma pur, se volete,

Begli occhi, che mora,

Chi fido v'adora,

Morire saprà. (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License