Carlo Goldoni
La scuola moderna

ATTO TERZO

SCENA OTTAVA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA OTTAVA

 

Belfiore, poi Ergasto

 

BELF.

Ancora mi dileggia? Ah cospettone!

Mi saprò vendicar con questa cagna.

Già m'è andato l'amor per le calcagna.

Smanio, sbuffo, deliro,

Con me stesso m'adiro.

Che ardir! che impertinenza!

ERG.

Signor Belfior, vi faccio riverenza.

BELF.

Lasciatemi in buon'ora.

ERG.

Oh ciel! ch'è stato?

Con chi l'avete mai?

BELF.

Son disperato.

ERG.

Perché?

BELF.

Per una donna.

ERG.

Per Rosmira, signor?

BELF.

Non so che farne.

ERG.

Dunque per chi?

BELF.

Per un demonio in carne.

ERG.

Ma l'avete lasciata?

BELF.

Sì, sì, l'ho abbandonata.

ERG.

Rosmira v'aggrada?

BELF.

Ella è giovine troppo. Vada, vada.

ERG.

Volete moglie?

BELF.

Sì, ma da par mio.

ERG.

Voglio trovarla io.

BELF.

Volesse il cielo!

ERG.

Venite a casa mia; colà vedrete

Una giovine sì, ma non ragazza,

Che sospira un marito

Di tempo ancor, ma come voi pulito.

BELF.

Oggi verrò. (Mi voglio maritare,

Se credessi sposar anche una gatta).

ERG.

(Doralba non è matta;

Lo sposerà per risparmiar la dote,

E sarà mia così la sua nipote). (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License