Carlo Goldoni
Il signor dottore

ATTO SECONDO

SCENA SETTIMA   Pasquina e Fabrizio

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SETTIMA

 

Pasquina e Fabrizio

 

FABR.

Lo sentite, Pasquina?

Egli ha lo stesso incomodo

Ch'io patisco per voi. Se a lui potrebbe

Giovar la mia Rosina,

Voi avete per me la medicina.

PASQ.

Con tutti, a dir io sento,

Non si adopra un egual medicamento.

FABR.

È vero; io son speziale,

E conosco il mio male,

E so che voi avete

Quelle droghe ordinarie

Che alla mia malattia son necessarie.

 

La polvere d'oro,

Che vale un tesoro,

Con voi si può far.

Nel vostro bel labro

Si trova il cinabro;

Si sente odorato

D'aromati il fiato;

Di zuccaro pieno

Si vede il bel cor.

Vendetela, o cara,

Non temo la spesa;

Ne voglio una presa

Per mano d'amor. (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License