Carlo Goldoni
L'amante militare

ATTO TERZO

SCENA ULTIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA ULTIMA

 

Beatrice e detti.

 

BEAT. Don Garzia è partito?

ALON. Sì, è partito.

ROS. E don Alonso non parte, non va in Ispagna.

BEAT. Ah perfido don Garzia! Ah misera abbandonata! Impareranno da me le donne ad essere caute, a fidarsi meno. Voi l’avete indovinata; voi avete trovato un terno al lotto. (a Rosaura)

ALON. Sì, adorata Rosaura, finalmente voi siete mia, io son vostro. V’amai teneramente, ma per l’amore non ho mai trascurato l’esecuzione de’ miei doveri. Tale esser deve l’Amante Militare, il quale sopra ogni altra cosa di questa terra amar deve la gloria, la fama, la riputazione dell’armi, il decoro di se medesimo, quello della sua nazione; e far risplendere anche fra le passioni più tenere la robustezza dell’animo, il valore, la rassegnazione e l’onore.

 

 

Fine della Commedia

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License