Carlo Goldoni
Le smanie per la villeggiatura

ATTO PRIMO

Scena Quinta. Ferdinando e detti

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Quinta. Ferdinando e detti

 

FERDINANDO: Padroni miei riveriti. Il mio rispetto alla signora Vittoria.

VITTORIA: Serva, signor Ferdinando.

LEONARDO: Siete, amico, siete dei nostri?

FERDINANDO: Sì, sarò con voi. Mi sono liberato da quel seccatore del conte Anselmo, che mi voleva seco per forza.

VITTORIA: Il conte Anselmo non fa una buona villeggiatura?

FERDINANDO: Sì, si tratta bene, fa una buona tavola; ma da lui si fa una vita troppo metodica. Si va a cena a quattr'ore, e si va a letto alle cinque.

VITTORIA: Oh! io non farei questa vita per tutto l'oro del mondo. Se vado a letto prima dell'alba, non è possibile ch'io prenda sonno.

LEONARDO: Da noi sapete come si fa. Si gioca, si balla; non si va mai a cena prima delle otto; e poi col nostro carissimo faraoncino il più delle volte si vede il sole.

VITTORIA: Questo si chiama vivere.

FERDINANDO: E per questo ho preferito la vostra villeggiatura a quella del conte Anselmo. E poi quell'anticaglia di sua moglie è una cosa insoffribile.

VITTORIA: Sì, sì, vuol fare ancora la giovinetta.

FERDINANDO: L'anno passato, i primi giorni sono stato io il cavalier servente; poi è capitato un giovanetto di ventidue anni, e ha piantato me per attaccarsi a lui.

VITTORIA: Oh! che ti venga il bene. Con un giovanetto di ventidue anni?

FERDINANDO: Sì, e mi piace di dire la verità; era un biondino, ben cincinato, bianco e rosso come una rosa.

LEONARDO: Mi maraviglio di lui, che avesse tal sofferenza.

FERDINANDO: Sapete, com'è? È uno di quelli che non hanno il modo, che si appoggiano qua e , dove possono; e si attaccano ad alcuna di queste signore antichette, le quali pagano loro le poste, e danno loro qualche zecchino ancor per giocare.

VITTORIA: (È una buona lingua per altro).

FERDINANDO: A che ora si parte?

VITTORIA: Non si sa ancora. L'ora non è stabilita.

FERDINANDO: M'immagino che anderete in una carrozza da quattro posti.

LEONARDO: Io ho ordinato un calesso per mia sorella e per me, ed un cavallo per il mio cameriere.

FERDINANDO: Ed io come vengo?

LEONARDO: Come volete.

VITTORIA: Via, via. Il signor Ferdinando verrà con me, voi anderete nello sterzo col signor Filippo e la signora Giacinta. (A Leonardo.) (Farò meglio figura a andar in calesso con lui, che con mio fratello).

LEONARDO: Ma siete poi risolta di voler partire? (A Vittoria.)

FERDINANDO: Che? Ci ha qualche difficoltà?

VITTORIA: Vi potrebbe essere una picciola difficoltà.

FERDINANDO: Se non siete sicuri di partire, ditemelo liberamente. Se non vado con voi, andrò con qualchedun altro. Tutti vanno in campagna, e non voglio che dicano, ch'io resto a far la guardia a Livorno.

VITTORIA: (Sarebbe anche per me una grandissima mortificazione).

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License