Carlo Goldoni
Le smanie per la villeggiatura

ATTO SECONDO

Scena Ottava. Filippo, poi Giacinta

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Ottava. Filippo, poi Giacinta

 

GIACINTA: A quest'ora, signore, vi potrebbero risparmiare le seccature. Vien tardi, a ventun'ora si ha da partire. Mi ho da vestir da viaggio da capo a piedi, e abbiamo ancora da desinare.

FILIPPO: Ma io ho da sentire che cosa vuole il signor Fulgenzio.

GIACINTA: Fategli dire che avete che fare, che avete premura, che non potete...

FILIPPO: Voi non sapete quello che vi diciate, ho con lui delle obbligazioni, non lo deggio trattare villanamente.

GIACINTA: Spicciatevi presto dunque.

FILIPPO: Più presto che si potrà.

GIACINTA: È un seccatore, non finirà sì presto.

FILIPPO: Eccolo che viene.

GIACINTA: Vado, vado. (Non lo posso soffrire. Ogni volta che viene qui, ha sempre qualche cosa da dire sul vivere, sull'economia, sul costume. Vo' un po' star a sentire, se dice qualche cosa di me). (Parte.)


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License