Carlo Goldoni
Le smanie per la villeggiatura

ATTO TERZO

Scena Terza. Leonardo, poi Paolo

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Terza. Leonardo, poi Paolo

 

LEONARDO: Ora che nella carrozza loro non va Guglielmo, non ricuseranno la mia compagnia; sarebbe un torto manifesto che mi farebbono. E poi, se il signor Fulgenzio gli parla, se il signor Filippo è contento di dare a me sua figliuola, come non dubito, la cosa va in forma; nella carrozza ci ho d'andar io. Con mia sorella vedrò che ci vada il signor Ferdinando. Già so com'egli è fatto, non si ricorderà più quello che gli ho detto.

PAOLO: Eccomi a' suoi comandi.

LEONARDO: Presto, mettete all'ordine quel che occorre, e fate ordinare i cavalli, che a ventun'ora s'ha da partire.

PAOLO: Oh! bella!

LEONARDO: E spicciatevi.

PAOLO: E il desinare?

LEONARDO: A me non importa il desinare. Mi preme che siamo lesti per la partenza.

PAOLO: Ma io ho disfatto tutto quello che aveva fatto.

LEONARDO: Tornate a fare.

PAOLO: È impossibile.

LEONARDO: Ha da esser possibile, e ha da esser fatto.

PAOLO: (Maledetto sia il servire in questa maniera).

LEONARDO: E voglio il caffè, la cera, lo zucchero, la cioccolata.

PAOLO: Io ho reso tutto ai mercanti.

LEONARDO: Tornate a ripigliare ogni cosa.

PAOLO: Non mi vorranno dar niente.

LEONARDO: Non mi fate andar in collera.

PAOLO: Ma, signore...

LEONARDO: Non c'è altro da dire. Spicciatevi.

PAOLO: Vuole che gliela dica? Si faccia servire da chi vuole, ch'io non ho abilità per servirla.

LEONARDO: No, Paolino mio, non mi abbandonate. Dopo tanti anni di servitù, non mi abbandonate. Si tratta di tutto. Vi farò una confidenza non da padrone, ma da amico. Si tratta, che il signor Filippo mi dia per moglie la sua figliuola, con dodicimila scudi di dote. Volete ora ch'io perda il credito? Mi volete vedere precipitato? Credete ch'io sia in necessità di fare gli ultimi sforzi per comparire? Avrete core ora di dirmi che non si può, che è impossibile, che non mi potete servire?

PAOLO: Caro signor padrone, la ringrazio della confidenza che si è degnato di farmi: farò il possibile; sarà servita. Se credessi di far col mio, la non dubiti, sarà servita. (Parte.)


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License