Carlo Goldoni
Le smanie per la villeggiatura

ATTO TERZO

Scena Quarta. Leonardo, poi Vittoria

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Quarta. Leonardo, poi Vittoria

 

LEONARDO: È un buon uomo, amoroso, fedele; dice che farà, se credesse di far col suo. Ma m'immagino già che quel che ora è suo, una volta sarà stato mio. Frattanto vo' rimettere in ordine il mio baule.

VITTORIA: Orsù, signor fratello, vengo a dirvi liberamente che da questa stagione in Livorno non ci sono mai stata, e non ci voglio stare, e voglio andare in campagna. Ci va la signora Giacinta, ci vanno tutti, e ci voglio andar ancor io. (Con caldo.)

LEONARDO: E che bisogno c'è che mi venite ora a parlare con questo caldo?

VITTORIA: Mi scaldo, perché ho ragione di riscaldarmi, e andrò in campagna con mia cugina Lugrezia e con suo marito.

LEONARDO: E perché non volete venire con me?

VITTORIA: Quando?

LEONARDO: Oggi.

VITTORIA: Dove?

LEONARDO: A Montenero.

VITTORIA: Voi?

LEONARDO: Io.

VITTORIA: Oh!

LEONARDO: Sì, da galantuomo.

VITTORIA: Mi burlate?

LEONARDO: Dico davvero.

VITTORIA: Davvero, davvero?

LEONARDO: Non vedete ch'io fo il baule?

VITTORIA: Oh! fratello mio, come è stata?

LEONARDO: Vi dirò: sappiate che il signor Fulgenzio...

VITTORIA: Sì, sì, mi racconterete poi. Presto, donne, dove siete? Donne, le scatole, la biancheria, le scuffie, gli abiti, il mio mariage. (Parte.)


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License