Carlo Goldoni
Lo speziale

ATTO PRIMO

SCENA TERZA   Mengone, poi Sempronio

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA TERZA

 

Mengone, poi Sempronio

 

MENG.

Che furba contadina!

Quasi la piglierei,

E la sua mercanzia mi comprerei.

SEM.

Oh bellissima nuova! (con un foglio in mano)

Trovata hanno gl'Indiani

Un'invenzion nell'Isole Molucche

Di far col fil di ferro le parrucche.

MENG.

Ehi signor, questa china...

SEM.

Appunto. Nella China

Un uomo moscovito

Gravido si è scoperto, e ha partorito. (leggendo)

MENG.

Davvero!

SEM.

Non lo senti?

Lo dicono gli Avvisi.

MENG.

Dunque l'uomo

Può partorir?

SEM.

Non senti?

Questi dicono il vero.

MENG.

Or mi viene in pensiero...

Oh caro padron mio,

Oh se potessi partorire anch'io...

Sol per l'onesto fine

Di pigliar centomila genuine.

SEM.

Senti, senti: A Parigi...

Il mio caso moderno originale...

Eravi uno speziale

Tutor d'una pupilla

Bella, ricca e garbata,

Ed ei per carità se l'è sposata.

Ah! non par che si parli

Di Grilletta e di me?

MENG.

Ma che sposata

L'abbiate, io non lo so.

SEM.

Non l'ho sposata, ma la sposerò.

MENG.

E la vostra figliuola

Quando la maritate?

SEM.

Le navi caricate

Verso Cefalonia

Han fatto vela e sono andate via. (leggendo)

MENG.

Un sulle Gazzette

Si sentirà questa gentil novella

Che vostra figlia l'avrà fatta bella.

SEM.

Questa non la capisco.

In Persia... Odi, Mengone:

In Persia, in Babilonia,

Il Soffà ha preso moglie.

Il soffà non vuol dire un seggiolone?

MENG.

E per questo, padrone,

Non si può dar? Perché?

Il soffà o il canapè

Sarà, in virtù di qualche testa buona,

Congiunto in matrimonio a una poltrona.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License