Carlo Goldoni
Lo speziale

ATTO SECONDO

SCENA SECONDA   Lucindo e Sempronio

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SECONDA

 

Lucindo e Sempronio

 

SEM.

Eh capisco, capisco;

Ma con tutta la bella novelletta

Quel galantuom non averà Grilletta.

LUC.

Signore...

SEM.

Padron mio,

Non voglio altre novelle.

LUC.

Una cosa dirò pur troppo vera.

SEM.

Cioè?

LUC.

In una parola:

Io vi chiedo, signor, vostra figliuola.

SEM.

Ed io con pochi accenti

Dico che lei si può nettar i denti.

LUC.

Deh, perché mai si crudo?

Così austero perché? Voi mi vedrete

Amante disperato

Cadere a' vostri piè morto e svenato.

 

Con destra ardita e forte

Darmi saprò la morte.

Perfido iniquo fato!

Barbaro genitor!

La , gli affetti miei,

Perché tradire, oh dei!

Perché nel core ingrato

Nudrire un tal rigor? (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License