Carlo Goldoni
Lo speziale

ATTO TERZO

SCENA SECONDA   Lucindo, poi Sempronio

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SECONDA

 

Lucindo, poi Sempronio

 

LUC.

Tutto tentar conviene...

Ma Sempronio sen viene.

Si ponga meglio in uso

Di Volpino il consiglio.

SEM.

Oh disgraziati!

Chi pensar si potea?...

LUC.

Servo, signore.

SEM.

(Eccomi adesso un altro seccatore). (da sé)

LUC.

Perdoni...

SEM.

Non ho tempo.

LUC.

Dovrei...

SEM.

Mi lasci stare.

LUC.

Dovrei communicare

Con lei un certo avviso...

SEM.

Avviso di qual parte?

LUC.

Di Persia e di Turchia.

SEM.

Schiavo a vussignoria.

Sarà una nuova scaltra

Compagna di quell'altra.

LUC.

Favorisca.

D'esser un galantuomo io mi protesto;

Quel ch'io dico, sostengo, ed ecco il testo. (gli un foglio)

SEM.

Leggiamo. Il re delle Molucche

Ha mandato in Italia

A provveder di droghe,

Di cordiali e sciroppi un capitale,

E vuol al suo servizio uno speziale.

LUC.

Sentite?

SEM.

Ma se i Turchi

Non usan medicine!

LUC.

Leggete pure, e sentirete il fine.

SEM.

Vedendo che la peste

Fece strage l'altr'anno,

Vuol riparare il danno

Con introdurre dei medicamenti.

Per la peste ho un cordial che fa portenti.

LUC.

Sarebbe il vostro caso.

SEM.

Seguitiamo.

Ei manda due Bassà

Carichi di casnà, vuol dir quattrini,

Con ordine di seco

Trasportare in Turchia

Un buon speziale ed una spezieria.

Dove mai sbarcheranno?

LUC.

Sono a vista

Di queste spiaggie.

Hanno mandato in terra

Con un caichio questo foglio loro

E alquante borse d'oro,

E in questa terra chiedono licenza

Di principiar la loro diligenza.

SEM.

Vengano, son padroni; questa volta

Lascio la patria mia.

A fare lo spezial vado in Turchia.

LUC.

Volete che per voi

Introduca il discorso?

SEM.

Sì, vi prego.

Se si farà il negozio,

Se passerò in Turchia,

Vi prometto una buona senseria.

 

Son uomo generoso,

E non mi faccio star.

Oh, se potessi andar!

Con un buon orto,

Con un buon pozzo,

Tesorerei,

E mi divertirei

Con tante novità.

A voi mi raccomando

Ancor per carità. (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License