Carlo Goldoni
La sposa persiana

ATTO TERZO

Scena Quarta. Fatima sola

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Quarta. Fatima sola

 

No, non vogl’io pentirmi d’aver sofferto in pace,

Senza cambiar le offese, senza insultar l’audace.

L’ira sfogar col labbro con chi c’insulta è segno,

Che sopra la ragione, predomina lo sdegno.

È la viltà un estremo, temeritade è l’altro;

Prudenza è il mezzo onesto, in un nobile, e scaltro:

Nobile che gl’insulti sdegna, conosce, e prova;

Scaltro, che per virtude sa simular, se giova.

Era di quell’indegna ogni superbo detto

Aspra mortal ferita d’una consorte al petto;

Ma a lei giovar potea più, che a me l’irritarmi

Empia per questo Ircana tentò di provocarmi,

Ed io l’ira celando, senza mostrarla in viso,

Le ingiurie, e le minaccie ricompensai col riso:

Tamas, che l’abbia offesa dir non potrà, se affetto

Tenero le promisi, e le mostrai rispetto.

Pietà più facilmente sperare alle mie pene

Posso nel di lui cuore... Eccolo, che a me viene.

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License