Carlo Goldoni
La sposa persiana

ATTO QUARTO

Scena Terza. Alý, e detti

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Terza. Alì, e detti

 

TAMAS Deh, amico, venite in mio soccorso.

CURCUMA (Io non so, se ferita m'abbia la testa, o il dorso).

TAMAS Ircana mia... (ad Alì)

ALÌ La vidi (parla confuso, come se fosse briaco).

TAMAS Ohimé! da voi veduta?

Dove?

ALÌ Per via.

TAMAS Ma quando?

ALÌ Ora.

TAMAS Perché?

ALÌ Venduta.

TAMAS Ah ciel! penar mi fate i cenni, e le parole.

L'oppio che rende audaci, instupidir poi suole.

CURCUMA (Ah di me si scordasse!) (da sé)

TAMAS Chi l’ha comprata?

ALÌ Osmano.

TAMAS Chi la scorta?

ALÌ Due schiavi.

TAMAS Colle catene?

ALÌ A mano.

TAMAS Vado.

CURCUMA (Sen va) (con letizia).

TAMAS Deh, amico, pietà d'un uomo tradito.

Deh, non mi abbandonate; andiam.

ALÌ Sono stordito.

TAMAS Maledetto sia l'oppio; solo ne andrò.

CURCUMA (Buon viaggio.

Di me non si ricorda, quest'è un buon avantaggio) (da sé).

TAMAS Perfida, non mi scordo: ripiglierem l'istoria (a Curcuma, e parte).

CURCUMA Obligata davvero della buona memoria.

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License