Carlo Goldoni
La sposa persiana

ATTO QUINTO

Scena Quinta. Fatima, e detti

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Quinta. Fatima, e detti

 

FATIMA Guardati... (forte da lontano a Tamas).

TAMAS Oh giusto ciel! ah qual destra inumana?

FATIMA Alzati

(alla voce di Fatima s'alza in tempo, e Ircana cade sull’origliere).

IRCANA Non toccarmi.

TAMAS Stelle, che vedo?... Ircana?

Tanta di sangue hai sete?

IRCANA Sì, ma dal ferro istesso

Anche Ircana svenata ti giacerebbe appresso.

TAMAS Perfida, in ricompensa di tanto amor tal sdegno?

Va', il feroce tuo cuore di mia pietade è indegno.

FATIMA (Fatima, è questi il tempo colla pietà e l’amore

Di guadagnar lo sposo, d’incatenargli il core) (da sé).

Tamas?...

TAMAS So, che vuoi dirmi; è la seconda volta

Questa, che tu mi salvi.

FATIMA No le mie voci ascolta.

Questo, che Ircana opprime eccessivo furore

Non è che un tristo avvanzo d'un eccesso d'amore.

Da questo amor tiranno, oppressa al par di lei,

Tamas, te lo confesso, non so quel ch'io farei.

TAMAS Tu in suo favor mi parli, perché a colei mi doni?

FATIMA No perché tu l'adori, ma perché le perdoni.

TAMAS Odila, Ircana.

IRCANA Io l'odo; odo di scaltra i detti,

Che guadagnar procura con dolcezza gli affetti.

TAMAS Quell’ostinato orgoglio mi stancherà.

FATIMA Non vedi,

Ch’ella d'amor delira? Tu a Fatima non credi? (ad Ircana).

Ora mi crederai. Signor, costei m'insulta,

Non deve una tua sposa esser derisa, e inulta.

D'una rivale ardita chiedo al tuo cuor vendetta,

La pretendo, la voglio (a Tamas).

IRCANA (a Fatima)

Ora ti credo.

FATIMA (Ad Ircana)

Aspetta.

vendetta vogl'io, ma non di stragi, e sangue,

Nulla giovar mi puote mirar femmina esangue

(a Tamas). Se compensar mi vuoi della tua vita a dono,

Concedimi d'Ircana, non la morte, il perdono

(ad Ircana).Ecco di te, spietata, qual vendetta desio,

Bastami, che arrossisca il tuo cuore del mio.

IRCANA (Ah, costei mi avvilisce!) (da sé).

TAMAS Alma di virtù piena,

Degna sei di pietade, degna d’amor (a Fatima).

IRCANA (Che pena!) (da sé).

TAMAS Il genitore

(veggendo venir Machmut di lontano, avvisa Ircana).

IRCANA Oh cielo! mi scopre; io son perduta.

FATIMA Fuggi da queste soglie, fin che sei sconosciuta (piano ad Ircana).

Vattene, ardito eunuco, e più venir non osa,

Dove uniti si stanno collo sposo la sposa.

Vattene! (scaccia Ircana con arte, perché non sia veduta da Machmut).

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License