Carlo Goldoni
La sposa sagace

ATTO SECONDO

SCENA DECIMA   Donna Barbara e detti

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA DECIMA

 

Donna Barbara e detti.

 

BAR.

Eccomi. Chi mi vuole?

PET.

Credete ai labbri suoi?

Andate, donna Barbara, si burlano di voi.

BAR.

Si burlano di me?

CAV.

Non signora, al contrario.

DUCA

Chi ardisse di burlarvi, sarebbe un temerario.

PET.

E pur per un pretesto vi han fatto venir qua.

BAR.

Mi burlano, signori? ci ho gusto in verità.

Di già me lo figuro, perché mi avran chiamato: (con allegria)

Colla signora madre alcun sarà sdegnato.

Dovrei per un di loro servir di comodino.

Ecco quanto poss'io sperar dal mio destino.

Son qui, non me ne offendo. Ci sto placidamente.

Dice il proverbio: è meglio qualche cosa che niente.

PET.

Si può sentir di peggio? Figliuola, in verità,

Voi le studiate apposta queste bestialità.

Signori, compatitela; non sa più di così.

CAV.

(Eh, ne sa quanto basta). (da sé)

DUCA

(So che il cuor mi rapì). (da sé)

BAR.

Dirò delle sciocchezze, e lascierò burlarmi.

Di già, voi lo sapete, non penso a maritarmi.

E se non mi marito, intisichir dovrò?

Che burlino, che scherzino, ed io li goderò. (siede)

PET.

È un po' troppo il coraggio.

BAR.

Per me così l'intendo.

CAV.

(Non vi perdete d'animo). (sedendo presso donna Barbara)

DUCA

(Signora, io vi difendo). (sedendo presso donna Barbara)

PET.

Si accomodin, signori. (al Duca e al Cavaliere con ironia)

CAV.

Io faccio il mio dovere.

Lascio al Duca il suo posto.

DUCA

Lo cedo al Cavaliere.

PET.

Dunque per uno sdegno, per una ideapazza,

Por volete in ridicolo la povera ragazza?

Donna Barbara, andate.

BAR.

Eh no, signora mia.

Non lo fan per disprezzo, lo fan per allegria.

Se una vera finezza sperar non mi conviene,

Lasciatemi godere questo poco di bene.

PET.

Vi farà un bel concetto questo costume ardito!

BAR.

Né anche perciò, signora, non perderò il marito.

DUCA

E pur lo meritate.

CAV.

Eppure ad ogni patto

Prendere lo dovrete.

BAR.

Eh, quel ch'è fatto, è fatto.

PET.

(Ora con queste smorfie mi sdegnerei sul sodo.

Sono un poco annoiata). Ehi, non è caldo il brodo? (verso la scena)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License