Carlo Goldoni
La sposa sagace

ATTO TERZO

SCENA SETTIMA   Il Cavaliere e la suddetta

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SETTIMA

 

Il Cavaliere e la suddetta.

 

CAV.

Eccomi a' cenni vostri.

PET.

Tardi, signor; perché?

CAV.

Mi sono trattenuto a bevere il caffè:

A beverlo, signora, siete di aspettata.

PET.

Il caffè non mi piace; berrò la cioccolata.

CAV.

Dopo il pranzo?

PET.

Sì certo, giova alla digestione.

Così da qui a tre ore potrò far colezione.

CAV.

Signora, il vostro stomaco davver poco riposa.

PET.

Lasciam queste fandonie, parliam d'un'altra cosa.

Cavaliere, mi pare che non vi spiaccia molto

Mirar di donna Barbara furtivamente il volto.

Non è egli ver?

CAV.

Signora... (mostrando di vergognarsi)

PET.

Io son del vero amica;

Se in me vi confidate, non vi sarò nemica.

CAV.

Certo, se voi credete ch'io fossi così ardito

Di burlar quella giovane...

PET.

Siete un signor compito.

So che del vostro cuore voi le faceste un dono.

Cavalier, palesatevi, ch'io di già vi perdono.

Via, ditemi: l'amate? La verità sol bramo.

CAV.

Quando ho da dir il vero, ve lo confesso, io l'amo.

PET.

Bravo, così mi piace. Voglio saper di più...

CAV.

Signora, non vorrei che mi tiraste giù.

PET.

Povero bambolino! svelatemi ogni cosa.

Son qui per aiutarvi; la prendereste in sposa?

CAV.

Perché no?

PET.

Lo sapete qual sia la di lei dote?

CAV.

So quel che le destinano, e quel che sperar puote.

PET.

Facciam questo negozio?

CAV.

S'io non vi dico un no,

Temo che voi mi dite: ed io non ve la do.

PET.

Stupisco che formiate di me sì mal concetto.

Chiedetela in consorte, ed io ve la prometto.

CAV.

Ma il padre suo?

PET.

Per ora lasciamolo da banda.

Io sono in questa casa che puote e che comanda.

Il contratto di nozze accordiam fra di noi,

E al signor Policarpio glielo direm dipoi.

CAV.

Non vorrei che i discorsi fra noi riuscisser vani.

PET.

No, so io quel che dico.

CAV.

Son nelle vostre mani.

PET.

Cavalier, ritornate in compagnia degli altri.

Non facciam che sospettino, perché son furbi e scaltri.

Lasciatemi operare. Ho sentimenti umani.

CAV.

Altro non vi rispondo. Son nelle vostre mani.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License