Carlo Goldoni
La sposa sagace

ATTO TERZO

SCENA OTTAVA   Don Policarpio e detti

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA OTTAVA

 

Don Policarpio e detti.

 

POL.

Anche fra voi si grida. Sempre si fan rumori.

Ora siam tutti diavoli, padroni e servitori.

MAR.

Vo' la mia tabacchiera. (a Lisetta)

POL.

Che tabacchiera? parla. (a Mariano)

MAR.

Fate che me la renda.

LIS.

(Piuttosto fracassarla). (da sé)

POL.

Presto, la vo' vedere. (a Lisetta)

LIS.

E ben, che cosa c'è?

Era di donna Barbara, e l'ha donata a me.

MAR.

A me l'avea donata.

POL.

A te? per qual ragione?

MAR.

Perché... (Uh, se potessi...) (da sé)

POL.

Confessami, briccone.

LIS.

Sì, è un briccone, egli è vero.

MAR.

Tu mi farai parlare. (a Lisetta)

POL.

Parla, vo' saper tutto. (a Mariano)

MAR.

(Perché andar a giurare?) (da sé, arrabbiandosi contro se stesso)

POL.

Quella scattola dunque?... (Che sì che l'indovino?

Che sia quella del Duca?) (da sé) Eh, dove sei? Moschino. (chiamando)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License