Carlo Goldoni
La sposa sagace

ATTO TERZO

SCENA DODICESIMA   Moschino e detti

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA DODICESIMA

 

Moschino e detti.

 

MOS.

Mi comandi.

PET.

Dov'è la di lui figlia? (a Moschino, accennando don Policarpio)

MOS.

È di nella camera, che parla e si consiglia.

PET.

Con chi?

MOS.

Con tre signori che hanno pranzato qua.

PET.

Ci hanno dunque aspettato? Ci ho gusto in verità.

Chiamate donna Barbara, e dite al Cavaliere,

Ma che gli altri non sentano, che lo vorrei vedere. (Moschino parte)

Ho piacer che vi siano i cavalieri ancora,

Per altro mi stupisco di codesta signora,

Che senza il genitore, e senza ch'io ci sia,

Ardisca con tre giovani star sola in compagnia.

Star senza custodia è una temerità.

POL.

Eh, vi sarà qualcuno che la custodirà.

PET.

E chi può custodirla, se non ci siamo noi?

Ho piacer di saperlo.

POL.

Sì, lo saprete poi.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License