Carlo Goldoni
La donna stravagante

ATTO QUINTO

SCENA PRIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

ATTO QUINTO

 

 

 

SCENA PRIMA

 

Strada con palazzo di don Riccardo in prospetto, con loggia praticabile e porta chiusa.

 

Don Rinaldo solo.

 

RIN.

Eccomi al duro passo di presentarmi a lei,

Col dubbio di vedere schernir gli affetti miei.

Quante altre volte, oh quante, mi lusingò vezzosa,

Indi languir mi fece, barbara, disdegnosa!

Vuole amor ch'io ritorni; l'onor par che l'affretti,

Fede prestando intera di onesta dama ai detti.

Resistere ostinato, dopo un tenero foglio,

Giusta ragion non fora, ma pertinace orgoglio.

So che il cuor suggerisce con suoi motivi ardenti,

Alla dubbiosa mente i facili argomenti;

Ma sia qual esser voglia, la forza o la ragione,

Giustificar può un foglio la mia risoluzione.

Ma come entrar mi lice colà fra quelle porte,

Senza che don Riccardo lo sappia e lo comporte?

Diedi la mia parola, spiegommi i desir sui,

Son cavalier, non deggio tornar senza di lui.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License