Carlo Goldoni
La donna stravagante

ATTO QUINTO

SCENA QUINTA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUINTA

 

Don Rinaldo solo.

 

RIN.

Misero me! son pieno d'affanno e di rossore.

Saggio l'amico parla, ma non s'appaga il core.

Che dirà donna Livia dell'incivil mio tratto?

Vorrei giustificarmi, vederla ad ogni patto.

Ma il mio dover lo vieta. Chi può, così dispone.

Misera! in un ritiro andrà per mia cagione?

Sì, sì, lo merta, il vedo, lo merta il suo costume;

Amor tutto non togliemi della ragione il lume.

Chi sa che non si cambi nel rigido contorno?

Chi sa che, men volubile, non si corregga un giorno?

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License