Carlo Goldoni
La donna stravagante

ATTO QUINTO

SCENA OTTAVA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA OTTAVA

 

Don Rinaldo solo.

 

RIN.

Entrisi dunque... Ah no, non mi convien di farlo.

Vietalo don Riccardo, né devesi irritarlo.

In casa sua dovuto è a lui cotal rispetto.

Partir forza m'induce; soffrire a mio dispetto...

Livia parlommi in guisa, che a lunsingarmi insegna.

Del foglio al zio svelato meco a ragion si sdegna.

E non poss'io gettarmi della sdegnata al piede?

assicurarla io posso per or della mia fede?

E se dal zio domani fia chiusa in aspre mura,

Qual menerò mia vita miserabile e dura?

Per or partirmi io deggio, e al prossimo periglio

Qualche miglior rimedio suggerirà il consiglio. (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License