Carlo Goldoni
La donna stravagante

ATTO QUINTO

SCENA DICIASSETTESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA DICIASSETTESIMA

 

Don Rinaldo, Cecchino; poi don PROPERZIO e  don Medoro.

 

RIN.

Ah Cecchino, sollecito entra tu in quelle soglie.

Di' che si freni e taccia, che di furor si spoglie;

Che soffra il mio destino, che un si cangerà.

CEC.

Questa volta senz'altro l'orecchio se ne va. (entra in casa)

RIN.

Di don Riccardo alfine si placherà lo sdegno,

Se in noi vedrà rivivere il primitivo impegno.

PRO.

Amico, compatiteci, s'entriam ne' vostri affari.

Star come i cani all'uscio non è da vostro pari.

RIN.

(Questi importuni abborro). (da sé)

MED.

Entrate in quella porta.

Se alcun dubbio v'arresta, noi vi sarem di scorta.

PRO.

Dovrebbesi per voi aver miglior riguardo.

MED.

Noi la faremo in barba vedere a don Riccardo.

RIN.

Lasciatemi, vi prego, in libertà.

PRO.

No certo.

Si oltraggia il grado vostro.

MED.

Si offende il vostro merto.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License