Carlo Goldoni
La donna stravagante

ATTO QUINTO

SCENA ULTIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA ULTIMA

 

Don Properzio, don Medoro  e detti.

 

PRO.

Ecco due testimoni.

MED.

Il matrimonio è fatto.

PRO.

Or sarà più contenta ancor vostra germana. (a Livia)

RIC.

Oh nozze capricciose, degne di donna strana!

LIV.

Conosco i miei deliri, fui Donna stravagante.

Nuovo non è il mio titolo, voi lo sapeste innante.

Perdonimi lo zio, mi torni il primo affetto;

La suora compatiscami; mi soffra il mio diletto.

Rendemi la vergogna della ragione il lume:

Cambiar prometto il cuore, cambiare il mio costume.

E in quella vita umile, che aveami destinata,

Vivere collo sposo prometto accompagnata.

Non so se donna simile al mondo ora si dia:

Quando ci sia, si specchi, corregga la follia.

E se perdon dal popolo non merita il ritratto,

Si applauda all'intenzione almen di chi l'ha fatto.

LIV.

Conosco i miei deliri, fui Donna stravagante.

Nuovo non è il mio titolo, voi lo sapeste innante.

Perdonimi lo zio, mi torni il primo affetto;

La suora compatiscami; mi soffra il mio diletto.

Rendemi la vergogna della ragione il lume.

Cambiar prometto il cuore, cambiare il mio costume.

E in quella vita umile, che aveami destinata,

Vivere collo sposo prometto accompagnata.

Non so se donna simile al mondo ora si dia.

Quando ci sia, si specchi, corregga la follia.

E se perdon dal popolo non merita il ritratto,

Si applauda all'intenzione almen di chi l'ha fatto.

 

 

 

 

Fine della Commedia.

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License