Carlo Goldoni
Torquato Tasso

ATTO PRIMO

SCENA SECONDA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SECONDA

 

Don Gherardo ed il suddetto.

 

GHE.

Componete?

TOR.

Correggo.

GHE.

Impazzirete.

TOR.

È vero. (getta la penna, e s'alza.)

GHE.

Posso veder?

TOR.

No ancora.

GHE.

Vi prego, qualche cosa.

TOR.

Frenate la soverchia avidità curiosa.

GHE.

Nel veder, nel sapere, ho tutto il mio diletto.

TOR.

Quest'è in voi, compatite, stucchevole difetto.

GHE.

La passion del sapere è naturale in noi.

TOR.

Saper con discrezione. Tutto ha i limiti suoi.

GHE.

Dunque voi non volete ch'io veda niente, niente?

TOR.

Per carità... La testa mi scaldo facilmente.

Per or non m'inquietate; lo vederete poi.

GHE.

Sarò il primo?

TOR.

Il sarete.

GHE.

Ben, mi fido di voi.

Ma ditemi soltanto, s'è ver quello ch'io credo,

Che riformate il vostro bellissimo Goffredo.

TOR.

amico, è ver pur troppo: stanco la mente mia,

Sol de' critici in grazia.

GHE.

Cotesta è una pazzia.

TOR.

Il Cavalier del Fiocco, l'acerrimo cruscante,

Fin qui è venuto a farmi il critico, il pedante;

E tanto a danno mio, tanto ha egli fatto e detto,

Che puote il mio poema far passar per scorretto.

Il Duca mio signore protegge il mio nemico:

Di lui parlar non oso, il destin maledico.

Pochi ignoranti, ch'hanno l'adular per mestiere,

Sogliono far per gala la corte al forestiere,

Ed ei l'adulazione paga d'egual moneta;

L'un dando all'altro il nome d'altissimo poeta,

Si esaltan fra di loro, indi, non so il perché,

Le satire d'accordo scaglian contro di me.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License