Carlo Goldoni
Torquato Tasso

ATTO TERZO

SCENA TERZA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA TERZA

 

La Marchesa Eleonora, donna Eleonora ed il suddetto.

 

MAR.

Parte il Tasso? (a Torquato.)

D.EL.

Ci lascia? (a Torquato.)

TOR.

Se 'l comandate, io resto.

MAR.

Di noi chi lo potrebbe voler con più ragione? (a Torquato.)

TOR.

Merito avete entrambe, odioso è il paragone.

MAR.

(Scaltro risponde).

D.EL.

(Il vero saper si spera invano).

TOR.

(Occhi miei, state in guardia; non scoprite l'arcano).

MAR.

Posso, se a voi fia grato, parlare al signor nostro,

Che mal di voi contento promosse il partir vostro.

S'egli è con voi sdegnato, m'ingegnerò placarlo.

Siete di ciò contento?

TOR.

Vi prego di non farlo.

MAR.

Per uom che non gradisce, gettata è la fatica;

Più cari i buoni uffici saranvi dell'amica.

S'ella restar v'impone, che sì, che dir io v'odo:

Resto per obbedirvi?

TOR.

Partirò in ogni modo.

D.EL.

Sì, partirà Torquato più presto, e con più gioia,

Delle mie preci vane recandogli la noia.

Lo so che le mie cure da lui son disprezzate;

Lo so che non m'ascolta.

TOR.

Signora, v'ingannate.

MAR.

Sentite? Egli vi adora.

TOR.

Nol dissi, e non lo dico.

D.EL.

Di lei sarete acceso.

TOR.

Sono d'entrambe amico.

MAR.

(Vediam chi di noi due la può sul di lui cuore).

In grazia mia restate, vel chiedo per favore;

A dama che vi prega, risponderete un no?

Ardirete partire? Dite.

TOR.

Ci penserò.

D.EL.

A quei della Marchesa aggiungo i voti miei:

Se per me non vi piace, restate almen per lei.

Grata a me in ogni guisa sarà vostra dimora.

E ben, che rispondete?

TOR.

Non ci ho pensato ancora.

D.EL.

(Che saper non si possa qual sia di noi distinta!)

MAR.

(Se m'ami, o mi disprezzi, ancor non son convinta).

TOR.

(Vuol ragion ch'io mi celi; ma questo è un penar molto.

Son col mio ben, né ardisco di rimirarlo in volto).

D.EL.

Un certo madrigale di voi ci fu mostrato.

MAR.

Un madrigal vezzoso.

TOR.

Non merta esser lodato.

MAR.

Sentesi che l'autore donna felice adora.

D.EL.

Sentesi che la donna ha il nome d'Eleonora.

TOR.

Nomi talor ne' carmi avvezzo a finger sono:

Se m'abusai del vostro, domandovi perdono.

MAR.

Dunque è falso che Tirsi Eleonora apprezzi?

D.EL.

Più non credo a' poeti, se a mentir sono avvezzi.

TOR.

Altro è mentire il nome, altro è mentir gli affetti:

Tirsi è pastor sognato, son veri i suoi concetti.

MAR.

Vero è dunque ch'egli ama?

TOR.

Verissimo.

D.EL.

E chi mai?

TOR.

Nol so.

D.EL.

Lo saprà Tirsi.

TOR.

Non glielo domandai.

MAR.

chieder lo potete, s'egli è pastor sognato.

Quello che Tirsi tace, potrà svelar Torquato.

TOR.

Svelar gli altrui segreti, signora, a me non piace.

Se non si spiega Tirsi, anche Torquato tace.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License