Carlo Goldoni
Torquato Tasso

ATTO TERZO

SCENA QUINTA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUINTA

 

Targa e detti.

 

TAR.

Signore, è la giornata questa de' forestieri.

Un altro vi domanda.

TOR.

Venga pur volentieri.

TAR.

Mandato ha l'imbasciata, ancora è un po' lontano.

TOR.

Sai dirmi chi egli sia?

TAR.

È un signor veneziano.

TOR.

Lo vedrò volentieri; amo assai la nazione.

Anderò ad incontrarlo. Con vostra permissione.

MAR.

Servitevi, signore. (sostenuta.)

D.EL.

Sì, servitevi, andate.

TOR.

Che vuol dir quest'asprezza? Siete meco sdegnate?

D.EL.

Vuol dir che quasi quasi disciolta è la contesa.

Partirò per piacervi. Resterà la Marchesa. (parte.)

TOR.

V'ingannate, signora.

MAR.

S'inganna, anch'io lo so.

Torni donna Eleonora, v'intendo: io partirò.

ELE.

Rido di tutte due, ch'hanno i lor sdegni accesi.

Non sanno, poverine... Ehi, già ci siamo intesi. (parte.)

TAR.

Andiam, che il forestiere non tarderà a venire;

Se baderete a donne, vi faranno impazzire. (parte.)

TOR.

È vero, e son vicino ad impazzir per una.

Dissi con due lo stesso, e non m'intese alcuna. (parte.)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License