Carlo Goldoni
Torquato Tasso

ATTO TERZO

SCENA SESTA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SESTA

 

Il signor Tomio e don Gherardo.

 

GHE.

Sì, signore, Torquato v'insegnerò dov'è.

TOM.

La me farà ben grazia.

GHE.

Favorite con me.

Ma chi è vossignoria?

TOM.

Cossa voleu saver?

GHE.

Faccio per dirlo a lui.

TOM.

Seu el so camerier?

GHE.

Vi corre un bel divario da me ad un cameriere.

TOM.

Chi xela, mio patron?

GHE.

Del Duca un cavaliere.

TOM.

Lustrissimo patron, con so bona licenza,

Dal Duca o dalla Corte mi no domando udienza.

Stalo qua sior Torquato?

GHE.

Abita qui.

TOM.

Ghe xelo?

GHE.

Vi sarà. Che volete?

TOM.

Voggio parlar con elo.

GHE.

Ed io, che son amico di tutti i forestieri,

Vi condurrò da lui.

TOM.

Caro sior.

GHE.

Volentieri.

Venezian, non è vero?

TOM.

Venezian, per servirla.

GHE.

Se è lecito, il suo nome?

TOM.

Tomio, per obbedirla.

GHE.

Signor Tomio de' quali?

TOM.

Che vuol dir?

GHE.

Il casato?

TOM.

A vu nol voggio dir.

GHE.

Lo direte a Torquato.

TOM.

Ma andemio, o non andemio?

GHE.

Andiam, se avete fretta.

TOM.

Ma se son vegnù a posta.

GHE.

Dite: il Tasso vi aspetta?

TOM.

Credo de sì.

GHE.

Gli è noto quel che da lui volete?

TOM.

Nol sa gnente gnancora.

GHE.

Confidar lo potete

A me con segretezza, finché facciam la strada.

TOM.

Sior cavalier mio caro, l'è una bella seccada.

GHE.

Lo fo, perché un amico all'altro può giovare.

Lo fo per comun bene.

TOM.

No son gonzo, compare.

GHE.

Gonzo perché? Un amico dovrebbe esser lodabile.

TOM.

Vu no me tirè zoso, sier bombasina amabile.

GHE.

Però se mal concetto di me avete formato,

Andate, ecco la porta che mena da Torquato.

Il signor veneziano, se non dirà chi sia,

Qui resterà per poco, lo faremo andar via.

TOM.

(Lo vôi gòder sto matto). (da sé.) La senta una parola.

Vorla saver chi son? Cosmo dalla carriola,

Quello che in Marzaria fa le fazzende soe;

E son vegnù a Ferrara a comprar delle scoe.

GHE.

Della scusa m'appago; per or basta così.

TOM.

Andemio, o non andemio?

GHE.

Torquato eccolo qui.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License