Carlo Goldoni
Torquato Tasso

ATTO TERZO

SCENA SETTIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SETTIMA

 

Torquato e Tomio.

 

TOM.

Amigo, finalmente ve vedo e v'ho trovà.

TOR.

Perché non inoltrarvi?

TOM.

Causa sto sior ch'è qua.

TOR.

Ma don Gherardo, eccede la sofferenza mia.

GHE.

Che occor che vi scaldiate? Ecco qui, vado via. (s'allontana.)

TOR.

S'è lecito, signore, conoscervi desio.

GHE.

(Saprò s'egli si chiama o Cosimo, o Tomio). (s'accosta.)

TOM.

Mi son... se poderia parlar con libertà? (a don Gherardo.)

TOR.

Che impertinenza è questa? (come sopra.)

GHE.

A me?

TOM.

Che inciviltà!

GHE.

A me? Mi renderete conto di tal parola,

Signor Torquato Tasso, signor Cosmo Carriola. (parte.)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License