Carlo Goldoni
Torquato Tasso

ATTO QUARTO

SCENA PRIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

ATTO QUARTO

SCENA PRIMA

 

Sior Tomio solo.

 

TOM.

Quanto che pagheria saver chi è sta Leonora,

Che el cuor del mio Torquato, poverazzo, innamora!

Quel sior dai slinci e squinci me l'ha accennà de volo,

Ma l'ho sentio da tanti, no l'ho sentio da un solo;

De véderla gh'ho voggia; troverò ben el come.

So a bon conto qualcossa. So per adesso el nome.

Ghe xe in ti Veneziani, per dir la verità,

In materia de donne della curiosità.

Ghe n'avemo a Venezia pur troppo in abbondanza,

E par, a chi ne vede, no ghe ne sia abbastanza.

Se passa un zendaetto, ch'abbia un poco de brio,

Se tiol el tratto avanti, e se se volta indrio.

E quando le se sconde, allora vien la voggia;

Par che sotto el zendà se sconda qualche zoggia.

Se ghe va drio bel bello per Marzaria, per Piazza.

E po? e po se scovre qualche brutta vecchiazza.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License