Carlo Goldoni
Torquato Tasso

ATTO QUARTO

SCENA QUINTA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUINTA

 

Don Gherardo e detti.

 

GHE.

Vi prego in cortesia... (a donna Eleonora.)

D.EL.

Vuò andar dove mi pare.

GHE.

Sì, ma ditemi almeno...

D.EL.

Non mi state a seccare.

Non vado fuor di Corte. Ciò non vi basta ancora?

È un voler saper troppo.

GHE.

Zitto, cara Eleonora.

TOM.

(Leonora!) (da sé.)

GHE.

Andate forse dalla Duchessa?

D.EL.

No.

GHE.

Dalla Marchesa?

D.EL.

lunga). (da sé.)

GHE.

Via, vi accompagnerò.

D.EL.

Son stanca di soffrirvi; non voglio compagnia.

Tornerò per prudenza nella camera mia. (parte.)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License