Carlo Goldoni
Torquato Tasso

ATTO QUARTO

SCENA NONA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA NONA

 

Torquato  e sior Tomio.

 

TOM.

Sentiu cossa la dise? No par che la ve sfida?

La parla, la manazza coi termini d'Armida:

O mia sprezzata forma, a te s'aspetta

(Ché tua l'ingiuria fu) l'alta vendetta.

TOR.

Duolmi d'averle dato qualche lusinga invano.

TOM.

Ghe voleu ben?

TOR.

Amico, non son del tutto insano.

È ver che la ragione talor cede all'amore,

Ma in me spente non sono le massime d'onore.

TOM.

No la saria gran cossa amar una puttazza;

Xe pezo amar quell'altra, se el Duca ve manazza.

TOR.

Del Duca le minaccie per questo i' non pavento.

Sospetta, e i suoi sospetti non hanno un fondamento.

Può gelosia nel Prence svegliar la diffidenza,

Ma la passione istessa luogo alla clemenza.

TOM.

Va ben, ma sarà meggio che vegnì via con mi.

TOR.

Amico, ho già risolto.

TOM.

De vegnir?

TOR.

Di star qui.

TOM.

Vardè ben quel che fe.

TOR.

Vuol l'onor mio ch'io resti.

Varie son le ragioni, vari i motivi onesti.

Si sa che 'l Duca irato volea la mia partenza:

Confesserei, partendo, macchiata la coscienza.

Lor cederei, partendo, troppo vilmente il loco.

De' miei nemici è nota l'ira, le trame, il foco:

E la Gerusalemme, che dar degg'io corretta,

Prima che di qui parta, vuò rendere perfetta.

Questa s'aggiunga all'altre ragion forti e sincere:

In me sospetta il mondo fiamme che non son vere;

Ma quando m'allontani per così ria cagione,

Pon perdere due donne la lor riputazione.

Parvi che giusto i' pensi? Trovate in questi accenti

La ragione, il consiglio, dell'uomo i sentimenti?

No, fuor di me non sono; d'errar non ho timore:

Il cuor non mi consiglia; parla ragione al cuore.

TOM.

No dirò, caro amigo, che siè fora de ton;

Pensè, parlè pulito; par che gh'abbiè rason.

Ma con quattro parole, se me ascoltè, m'impegno

Destruzer i argomenti fatti dal vostro inzegno.

Se andè via, no xe vero che reo siè dichiarà:

Napoli, podè dir, Venezia m'ha invidà.

Questa xe cossa chiara, questo xe un fatto certo,

Che della maldicenza pol metterve al coverto.

Dubitè che i nemici rida co andà ?

Podè mortificarli, se fussi anca in Turchia.

Anzi co lontan, podè con libertà

Dir le vostre rason, più assae che no fe qua.

El vostro bel poema toccar no ve conseggio;

Co le cosse sta ben, se fa mal per far meggio;

Ma quando che ghe abbiè sta tal malinconia,

Per tutto podè farlo: scriverè in casa mia.

All'ultimo argomento sentì cossa respondo:

O xe vero, o xe falso quel che sospetta el mondo:

Se amè, colla partenza se modera l'affetto;

Se non amè, più presto se modera el sospetto.

Lassè che tutti diga, e vegnì via con mi:

No sol le maraveggie durar più de tre .

Risolti i tre argomenti, vegno alle persuasive;

Pensemo a viver meggio quel poco che se vive.

Qua gh'è, per quel che sento, un mar de diavolezzi;

Vu gh'averè a Venezia quiete, decoro e bezzi.

Pesè l'un, pesè l'altro, siè de vu stesso amante.

Finirò el mio discorso, come fenisse Argante:

Tua sia l'elezione; or ti consiglia

Senz'altro indugio, e qual più vuoi ti piglia.

TOR.

Son le ragioni vostre convincenti, il confesso;

Ma ohimè, non sono, amico, padrone di me stesso.

Veggo il ben che m'offrite; goderlo io non son degno.

TOM.

Amigo, v'ho capio. Gh'è del mal in tel legno.

TOR.

Che di me sospettate?

TOM.

No xe sospetto el mio.

innamorà, gramazzo. zo, incocalio.

TOR.

Ah giusto ciel!

TOM.

Mi donca posso andar?

TOR.

Aspettate.

TOM.

Via resolvève, o andemo, o che mi vago.

TOR.

Andate.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License