Carlo Goldoni
Torquato Tasso

ATTO QUARTO

SCENA UNDICESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA UNDICESIMA

 

Torquato e sior Tomio.

 

TOM.

No vôi abbandonarlo. Sto nembo el passerà.

TOR.

Son fuor di me. Vi prego... vi domando pietà.

Parto, ma non so quando; andrò, ma non so dove.

M'investono per tutto i fulmini di Giove.

Andrò peregrinando, terra scorrendo e mare;

Vi raccomando, amico, le cose a me più care:

La mia Gerusalemme, Rinaldo innamorato,

L'Aminta, il Torrismondo e 'l mio Mondo creato,

Il canzonier, le prose, le lettre famigliari,

Le orazioni e 'l trattato diretto ai secretari,

Dell'arte del poema i tre ragionamenti,

L'apologia al Goffredo, i dialoghi, i commenti.

Questi vi raccomando, che a me costan sudore:

Vi raccomando, amico, il povero mio cuore.

Ma no, questo è perduto, perdermi deggio anch'io;

Mondo, amici, Ferrara, bella Eleonora, addio. (parte.)

TOM.

Fermeve, vegnì qua. El corre co fa el vento.

L'è matto per amor. Donne, me fe spavento. (parte.)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License