Carlo Goldoni
Torquato Tasso

ATTO QUINTO

SCENA SECONDA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SECONDA

 

Don Fazio e detti.

 

FAZ.

Scheavo de vossoria. Ditemi a me no poco:

Torquato dov'è ito? non c'è chiù in chisso loco?

Domanno a chisso, a chillo, nessun no me responne,

Chi chiacchiera, chi chiagne, chi tace e se confonne.

TOM.

Mi no so gnanca mi cossa de lu sia stà;

Domandèlo a sto sior, che lu lo saverà.

FAZ.

Famme chisso piacere, dimmelo, bene mio;

Commaneme; se pozzo, te serviraggio anch'io.

CAV.

Domine! quai smodate parolaccie ridicole!

Castronerie cotali mi scroscian nelle auricole.

Per carità, tacete. Starmi non posso al pivolo,

Udendo chi non bebbe l'acqua del tosco rivolo.

FAZ.

Che mallora de tiermene? (a sior Tomio.)

TOM.

El parla sdruzzolato,

Perché co una verìgola i gh'ha sbusà el gargato.

FAZ.

Dimme dov'è Torquato; no me tormentà chiù.

Me lo bo dire a me?

CAV.

Siete caparbio.

FAZ.

Ahù! (con esclamazione.)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License