Carlo Goldoni
Torquato Tasso

ATTO QUINTO

SCENA DODICESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA DODICESIMA

 

La Marchesa Eleonora, Torquato poi sior Tomio e Don Fazio.

 

MAR.

Che fu? (accostandosi.)

TOR.

Dove son io?

TOM.

Coss'è, cossa xe stà?

FAZ.

Che ave lo sì Torquato?

MAR.

Ei merita pietà.

TOM.

Tórnelo a dar la volta?

FAZ.

Tornammo en ciampanelle?

TOR.

Amici, il morir mio minacciano le stelle.

TOM.

Andemo via de qua.

FAZ.

Annamo in altro stato.

MAR.

Al cuor de' veri amici arrendasi Torquato.

TOR.

Se arrendere mi deggio al doloroso esiglio,

Valgami di voi sola la voce ed il consiglio.

Questa è colei, amici, questa è colei che adoro:

Lascio in lei la mia vita, in lei lascio un tesoro.

Ella, che all'onor suo, che all'onor mio provvede,

Al partir mi consiglia. Freme il mio cuor, ma cede.

TOM.

Bravo...

FAZ.

Mo me fa chiagnere.

MAR.

Questo viglietto aggiunga

Ragion che alla partenza vi stimoli e vi punga.

Il Duca vi minaccia; parla a me da sovrano;

Vuol che sugli occhi vostri a lui porga la mano.

Dunque...

TOR.

Non più, Madama; non più, sì, me n'andrò.

FAZ.

Dove vo ir Torquato?

TOM.

Dove andereu?

TOR.

Non so.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License