Carlo Goldoni
Torquato Tasso

ATTO QUINTO

SCENA QUATTORDICESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUATTORDICESIMA

 

Patrizio e detti.

 

PAT.

Torquato, a voi ritorno. Amici, a voi m'inchino.

TOR.

Che mi recate, amico?

PAT.

Forse miglior destino.

Roma, de' letterati conoscitrice e amica,

Che nell'amar virtute supera Roma antica,

Se a coltivar in essa le scienze e le bell'arti

Sogliono i rari ingegni venir da mille parti,

Roma Torquato apprezza, loda lo stile eletto,

Il nobil genio ammira, il facile intelletto.

Piace la gentil arte, onde i suoi carmi infiora;

Piaccion le scelte prose, onde l'Italia onora;

E l'opera, per cui giugne alla gloria estrema,

È la Gerusalemme, vaghissimo poema,

In cui de' più famosi non va soltanto appresso,

Ma supera gli antichi, e supera se stesso.

Meritosublime, che al Tebro alto risuona,

Giust'è che abbia de' vati degnissima corona.

Questa de' nomi illustri certa gloriosa marca,

Or due secoli sono, incoronò il Petrarca.

Tasso, che al par di lui reso famoso è al mondo,

Dopo il lirico vate, abbia l'onor secondo;

Anzi, se in metro vario ciascun di loro è chiaro,

Cinti d'egual corona seder veggansi al paro.

Ecco, Torquato, amico, ecco l'onore offerto

A te da Roma tutta, che ti prepara il serto.

Vieni di tue fatiche a conseguire il frutto;

Cigni la nobil fronte in faccia al mondo tutto;

Che più d'ogni mercede, più dell'argento e l'oro,

L'alme bennate apprezzano il sempre verde alloro.

Fremano i tuoi nemici, cessi l'invidia l'onte:

Maggior rispetto esiga l'onor della tua fronte.

Vieni del Tebro in riva a ornar la bionda chioma.

Chi ti promove è il mondo, chi vuol premiarti è Roma.

TOR.

Ah sì, veggami Roma grato a sì dolce invito.

Gloria, mio dolce nume, rendimi franco e ardito.

Di due passion feroci, che m'han ferito il cuore,

Una vinca, una ceda; ceda alla gloria amore.

Donna gentil, sa il cielo se nel lasciarvi io peno,

Ma il bel desio d'onore tutto m'infiamma il seno.

Muoresi alfine, e morte toglie il bel che s'adora;

Vive la gloria nostra dopo la morte ancora.

Ah che di fama il pregio, ah che di Roma il nome

Tutte le mie passioni ha soggiogate e dome:

Una solo a pro del mio decoro,

Che anela, che sospira l'onor del sacro alloro.

Vadasi al Tebro augusto. Sappialo il Signor mio.

Corte, Ferrara, amici, bella Eleonora, addio.

MAR.

(M'esce dagli occhi il pianto).

TOR.

Parole più non trovo!

FAZ.

Mo mo, me vien da chiagnere.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License