Carlo Goldoni
Terenzio

ATTO PRIMO

SCENA QUINTA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUINTA

 

Livia e detti.

 

LIV.

Creusa, invan ti cerco, invan ti chiamo, e lieta

Trovoti accanto alfine del comico poeta.

TER.

Le donne mai non furo da noi poeti escluse:

L'estro ci dan felice tre Grazie e nove Muse.

LIV.

Speme di nobil estro da una vil schiava è vana.

CRE.

Estro sublime, altero, daratti una Romana. (a Terenzio.)

LIV.

Parti da questo luogo. L'ago ti aspetta e il fuso. (a Creusa.)

CRE.

(Misera! il mio sospetto di falso io non accuso.

Il cuor che non s'inganna, temi colei, mi dice,

Che ha l'arte, che ha il potere, di renderti infelice). (da sé, indi parte.)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License