Carlo Goldoni
Terenzio

ATTO TERZO

SCENA TERZA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA TERZA

 

Fabio e Lisca.

 

LIS.

Buon per noi che a' privati sien le ricchezze sparte;

Possiam dell'altrui bene noi pure essere a parte.

Di schiavo fortunato amici esser conviene;

Godrem da lui fors'anco dei pranzi e delle cene.

FAB.

Non è di coltivarlo questa per me ragione;

Ma calmi della stima ch'ave di lui il padrone.

Sportula, col suo mezzo, maggior posso acquistarmi,

Ond'è che di adularlo fa d'uopo, e vo' provarmi.

LIS.

Farai poca fatica, se hai l'adular per uso.

FAB.

Andar, chi non sa farlo, vedo da' ricchi escluso.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License