Carlo Goldoni
Terenzio

ATTO QUARTO

SCENA PRIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

ATTO QUARTO

SCENA PRIMA

 

 

Terenzio solo.

 

TER.

A me doni preziosi? a me carmi ed onori?

Per me l'amor di Roma, l'amor de' senatori?

Di schiavitù fra i lacci viver non si rifiuta,

Quando a un sì caro prezzo la libertà è venduta.

E libertade istessa, cui la natura inclina,

Per rendermi felice, la sorte mi destina.

Ma, ahimè, l'alma trafitta un altro ben sospira,

Senza di cui la vita, non che la sorte ho in ira:

Un ben, che agli altri beni accrescere può il fregio,

Cui più d'ogni tesoro ave il mio cuore in pregio;

E lieto sceglierei viver fra' lacci ancora,

Pria di smarrir la vista del bel che m'innamora;

Provandosi per questo che il mondo e i beni suoi

Prezzo d'opinione ricevono da noi,

Stimandosi più quello che più diletta e piace,

Trovando sua ricchezza il cuor nella sua pace.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License