Carlo Goldoni
L'amore artigiano

ATTO PRIMO

SCENA TERZA   Giannino solo.

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA TERZA

 

Giannino solo.

 

 

Delle sue protezioni

Io timore non ho. Nessun può fare

Ch'io la prenda per forza. Amo Rosina,

E la voglio sposare, e se dovessi

Andarmene di qua, non mi confondo:

Posso fare il mestier per tutto il mondo.

Ma che fa che non viene?

Non vorrei che suo padre fosse alzato.

Temo che il vicinato

Mormori nel vedermi in questo loco.

Mostrerò di passar; canterò un poco.

 

Amor, tu mi fai far la mattinata;

Scordomi la bottega ed il lavoro.

Ma tu mi pagherai la mia giornata,

Se ritorno a vedere il mio tesoro.

Zitto, mi pare...

Parmi sentire...

Veggo ad aprire.

Zitto, che viene

Quella che tiene

Schiavo il mio cor.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License